Il mio blog principale: http://mikelogulhi.blogspot.com
Il blog centrale in italiano (dove puoi vedere, a destra, quali sono gli ultimi blog in italiano aggiornati): http://ilmondofuturo.blogspot.com

martedì 3 luglio 2012

America del Sud, Caracas è nel Mercosur

da www.eilmensile.it

3 luglio 2012versione stampabile
Stella Spinelli
Ieri, Argentina e Brasile hanno ufficialmente ratificato l’ammissione del Venezuela nel Mercato comune dell’America del Sud (Mercosur). Votato all’unanimità dai tre paesi membri – oltre ad Argentina e Brasile, l’Uruguay, visto che il Paraguay è stato sospeso dopo il golpe bianco che ha destituito il presidente Lugo – la decisione è stata presa nel summit della scorsa settimana svoltosi a Mendoza. La cerimonia formale si svolgerà il 31 luglio a Rio de Janeiro, con la ratifica definitiva del presidente uruguaiano José Pepe Mujica.

Dilma Rousseff e Cristina Fernandez de Kirchner.
Foto di JUAN MABROMATA/AFP/GettyImages
Il segretario agli Affari esteri della Presidenza brasiliana, Marco Aurelio García, ha precisato che sia l’ingresso di Caracas che la sospensione di Asuncion sono arrivati dopo una riflessione armonica e senza screzi, che riflette il “consenso politico” che lega i tre paesi del blocco.
“L’ingresso del Venezuela come membro plenario del Mercosur è stata una decisione unanime dei presidenti di Argentina, Brasile e Uruguay durante la Cumbre di Mendoza. Dopo una riunione fra Dilma Rousseff, Cristina Fernández de Kirchner e José Mujica – ha ribadito il ministero degli Esteri argentino in un comunicato – durante la quale sono state ascoltate le posizioni dei rispettivi ministri degli esteri, i presidenti hanno immediatamente deciso per ammettere la Repubblica Bolivariana nel Mercosur, perché il paese possiede tutte le caratteristiche richieste dai trattati e dalle legislazioni nazionali dei paesi membri”.
Precisazioni che smentiscono le insinuazioni di alcuni organi di stampa internazionali che avevano letto nella frase pronunciata dal ministro degli Esteri uruguaiano Luis Almagri “ancora non è definitiva” – riferita all’entrata nel Mercosur di Caracas – una discrepanza nelle posizioni dei paesi membri. È infatti dal 2006 che il Venezuela è pronto a entrare nel Mercosur, ma il procedimento è rimasto bloccato finora dal Parlamento paraguaiano che non raggiungeva i numeri per arrivare alla firma del protocollo. Adesso che Auncion è sospesa a causa, appunto, della destituzione del presidente deciso in fretta e furia e condannata da tutti i paesi democratici dell’emisfero, l’ostacolo è saltato e Hugo Chavez può festeggiare un altro grande traguardo del suo governo.